blog professionale di un freelance
Digital Marketing

5 consigli su come gestire un blog per freelance

Digital Marketing, 5 consigli su come gestire un blog per freelance

Parlo a te che sei una freelance come me, che probabilmente fai salti mortali per riuscire a gestire tutto sola, che diventi una piccola acrobata e fai delle evoluzioni pazzesche per migliorare ogni giorno. A te dedico il primo blogpost di digital marketing parlandoti di come gestire il tuo blog professionale in maniera autonoma.

5 consigli su come gestire il blog professionale di una freelance

Sicuramente ti sarà successo di parlare con chi ti consiglia di aprire il tuo blog professionale magari da affiancare al tuo sito web istituzionale, invitandoti a gestire tutto sola. Ecco qualche consiglio per comunicare il tuo lavoro in maniera professionale.

GESTIRE UN BLOG HA UN COSTO. Diffida da chi ti dice che gestire un blog è gratuito. Prima cosa, affinchè il tuo blog sia professionale avrai bisogno di un dominio, uno spazio web ed un tema e questo ha un costo variabile a seconda dei servizi che utilizzi. Seconda cosa, il blog richiede tempo per impostarlo e per gestirlo (scrivere i testi), e come ben sai il tuo tempo ha un valore economico. Il primo consiglio che ti voglio dare è di valutare bene se è meglio pagare un professionista che faccia il lavoro per te oppure gestire il tutto in maniera autonoma. Ti faccio riflettere su ciò perchè spesso ho detto faccio da sola e poi non essendo pratica ci ho messo tantissimo tempo per ottenere un risultato discreto a scapito dei miei clienti invece che pagare qualcuno che mi faccia ottenere un ottimo risultato in pochissimo tempo. Dal dipingere la casa, a montare un mobile piuttosto che cucirmi una gonna, faccende semplici però con cui io non ho dimestichezza che mi hanno stancato tantissimo e in cui veramente ho ottenuto dei pessimi risultati.

SI IMPARA A SCRIVERE SCRIVENDO. Non aver paura di iniziare questa nuova avventura, tu sai esattamente cosa vuoi comunicare e come comunicarlo al tuo cliente ideale. Inizialmente probabilmente non sarai abituata a scrivere dei lunghi testi e a raccontare quello che normalmente fai ogni giorno nel tuo studio, ma con un po’ di pratica e di dimestichezza riuscirai a superare le tue paure. Scrivere online è molto diverso da scrivere su un foglio di carta bianco. Hai sentito parlare di SEO? La SEO è quella scienza che studia il posizionamento dei contenuti nei motori di ricerca, in poche parole è quella scienza che studia perchè alcuni articoli sono tra i primi risultati di google e gli altri no. Se non hai idea di come iniziare a scrivere un articolo qui trovi le basi della scrittura SEO. Valuta di frequentare un corso magari online che ti dia le basi che ti servono per costruirti e gestirti il blog autonomamente con il nostro corso online #dazeroablogger.

SCRIVI PER I TUOI CLIENTI. Un errore che vedo fare spesso è di scrivere i blogpost come fossero dei testi di diario personale. Se è vero che i blog sono dei diari, quando lo fai a livello professionale il tuo lettore ideale è il tuo cliente che deve leggere le tue parole e deve ricondurre l’autore alla tua professionalità. Ci sono diversi modi di scrivere lo stesso argomento a seconda del tuo lettore, ed è proprio sul tuo lettore ideale che ti voglio far riflettere:

  • cosa vorrebbe leggere?
  • che argomenti potrebbero interessargli?
  • che grado di approfondimento di quel argomento devi utilizzare?

Ti faccio un esempio: una mia cliente veterinaria gestisce il suo blog in maniera autonoma. Il blog è rivolto ai suoi colleghi quindi il lessico utilizzato sarà tecnico e difficilmente comprensibile a noi proprietari di animali. Viceversa se dovesse rivolgersi a noi dovrebbe utilizzare un lessico più semplice e comune.

TRATTA SOLO ARGOMENTI UTILI/INTERESSANTI AL LETTORE. Non essere generica trattando tantissimi argomenti diversi tra loro. Si specifica e tratta sempre e solo di argomenti che possano interessare al tuo lettore. Dai particolare importanza alla parte visuale del tuo racconto, i video e le fotografie hanno un impatto emotivo sempre più forte delle parole. Come ti accennavo esistono dei siti dove puoi utilizzare in maniera gratuita le fotografie in quanto hanno la licenza Creative Commons, il mio consiglio e i riuscire a distinguerti con foto e video tuoi. Se ti interessa qui puoi visionare il corso on demand di Fotografia #99photos

FAI ATTENZIONE ALL’ASPETTO DEL TUO BLOG. Fai molta attenzione all’aspetto grafico del tuo blog, l’impressione che susciti nel tuo lettore deve essere la stessa che un cliente avverte quando entra nel tuo studio. Il lettore entra in contatto con te online, riconosce la tua conoscenza e la tua professionalità e si rivolge a te direttamente. Il primo impatto è quello che fa decidere alla persona se scegliere te o una tua competitor, quindi devi lavorare affinchè la prima impressione sia la maggior parte delle volte positiva. Non aver paura di metterci la faccia e di fotografarti mentre lavori, la persona che ti legge entrerà nel tuo studio virtualmente e gli sembrerà di conoscerti già.

Hai trovato qualche idee utile da utilizzare nel tuo biz? Fammelo sapere scrivendomi a storytellingcafe@mail.com

Se non sai come muoverti online per comunicare il tuo business, contattaci, possiamo aiutarti a costruire il tuo progetto 🙂

Scrivici a storytellingcafe@mail.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *